Monster Energy Supercross | Milestone - Recensione

Monster Energy Supercross è il racing a due ruote della competizione ufficiale dell'omonimo campionato




Monster Energy Supercross è figlio del lavoro svolto su MXGP3, ma rispetto a quest’ultimo la categoria sportiva è leggermente diversa: il titolo dell’anno scorso era incentrato sul motocross, mentre quest’anno il team milanese si è cimentato nel supercross.
Ma non aspettatevi una nuova ip, perché — a parte piccoli aggiustamenti posti qua e là, per rendere qualche azione più spettacolare — siamo in presenza di un gioco molto simile a quelli della serie MXGP. Di fatto sono più che altro i circuiti ad essere (oggi) più tortuosi.
Le uniche note interessanti sono riposte nell'elementare editor dei tracciati e nella maggiore esperienza degli sviluppatori con l’uso dell’Unreal Engine 4, il quale ha sostituito — già l’anno scorso — il limitato motore proprietario usato negli anni addietro.



Dopo aver recensito più di 10 videogame della casa milanese (tra cui Ride 2, MotoGP 17 e Sébastien Loeb Rally EVO), oggi vorrei potervi dire che finalmente c’è stato quel salto di qualità che tutti si auspicano da anni. Ma non è così.
Anche stavolta Milestone migliora un pochino il quadro generale ma resta ancorata alle solite imperfezioni  tecniche, che mostrano un pò di pigrizia nella pulizia del codice.

Monster Energy Supercross | Milestone - Recensione

Stesse modalità, stessa musica, stesso bar

Monster Energy Supercross propone le solite modalità di gioco: Gran Premio, Time Attack (dove battere i tempi dei tracciati), Campionato (in cui seguire le orme dei beniamini), online e Carriera. Con quest’ultima si parte dalla categoria 250 per arrivare alla 450, provando a vincere sempre più gare per accumulare soldi e gloria, per la gioia di sponsor e fan.
Come in passato c’è modo di personalizzare il pilota e la moto con gadget e componenti ufficiali, da sbloccare con i crediti e con l’esperienza guadagnati in-game.
L’intelligenza artificiale (al solito) è altalenante e punta tutto sull'aggressività, senza mettere in piedi particolari manovre. Quello che manca ai giochi della Milestone è la varietà nei comportamenti dei piloti. Nella realtà ogni centauro ha un suo stile nel tagliare la curva, nell'aggredire gli spazi, nel saltare gli ostacoli e nello scegliere il momento giusto della gara per dare il meglio di sè. In questo videogame, invece, tutti i piloti si comportano tendenzialmente alla stessa maniera, ergo dopo l’ennesima gara vinta non si hanno più stimoli, a meno di non amare alla follia questo sport a due ruote.
Microsoft sfrutta il cloud per differenziare le IA, simulando le scelte di altri giocatori reali: non dico che la casa nostrana debba fare altrettanto, ma per lo meno dovrebbe studiarsi i comportamenti degli sportivi e variare di conseguenza gli algoritmi. Queste sono le cose importanti da implementare in un videogame. Gli elementi estetici ufficiali migliorano l’atmosfera, ma sono aspetti secondari nell'economia dell’intrattenimento.
Come vi accennavo a inizio articolo, il gameplay non è mutato in maniera sostanziale. Al solito bisogna domare le cunette e effettuare gli scrub (manovre in volo atte a inclinare il mezzo) per ridurre la durata dei salti, sì da guadagnare secondi preziosi. L’unico aspetto da non sottovalutare è riposto nella gestione del peso del pilota e della moto.
L’editor dei tracciati è semplice ma funzionale. Tutti possono creare facilmente i loro percorsi in pochi minuti, selezionando curve, rettilinei, dossi, tipologia di partenza, e così via. Una volta ottenuto l’ok dal processo di validazione alla conformità, si può anche condividere online la propria creazione. Quest’aspetto non è per nulla accessorio: se la community si sbizzarrirà, il videogame potrebbe offrire maggiore longevità e divertimento.

Monster Energy Supercross | LucullusGames

Soliti piccoli nei

Il sistema di collisioni purtroppo lascia ancora a desiderare. Tutti quelli (me compreso) che si aspettavano dei miglioramenti nella fisica, dovranno accettare il fatto che Milestone ha deciso di sfruttare l’Unreal Engine 4 più che altro per dare una veste estetica più carina ai suoi prodotti, non per migliorarne la sostanza. Ne è un esempio lampante la gestione del terreno che risulta più definito. Anche i solchi lasciati dalle altre moto sono ben inseriti, ma all'atto pratico questi avvallamenti non incidono (come invece accade nella realtà) nelle differenti risposte del mezzo (quando ci si finisce dentro).
Gli effetti di luce mostrano qualche passo in avanti. Le animazioni dei piloti sono ancora sottotono, mi riferisco soprattutto a quelle relative agli impatti e alle cadute.
Il framerate non è sempre stabile, ci sono delle compenetrazioni poligonali e c’è dell’eccessivo effetto blur alla partenza. I rumori ambientali sono invece più appaganti e fanno percepire il clima di festa, tipico del concetto — tutto americano — di stadio.

Modus Operandi: ho realizzato questa recensione dopo aver acquistato il gioco su steam.

Titolo: Monster Energy Supercross - The Official Videogame
Genere: Racing Ibrido
Sviluppatore e Editore: Milestone S.r.l.
Data di rilascio su pc: 13 febbraio 2018
Prezzo di lancio su steam: 49,99 euro

Commento finale 

Monster Energy Supercross è come un telefonino nuovo presentato ogni anno al CES di Las Vegas: esteticamente la scocca è diversa e più carina, ma in fondo fa più o meno le stesse cose del prodotto precedente.
Francamente mi aspettavo dei passi in avanti più sostanziosi e invece siamo dinanzi al solito prodotto povero di nuove idee, ma venduto a prezzo pieno. L’unico aspetto su cui puntare quest’anno è l’editor dei tracciati, ma bisognerà vedere in quanti si mostreranno davvero interessati a investirci del tempo.

Pro:
  • Editor dei tracciati
  • Licenze ufficiali
  • Meccaniche tutto sommato solide… 
  • Lievi miglioramenti estetici

Contro: 
  • Solita mancata rifinitura tecnica 
  • Fisica e IA avrebbero bisogno di una svecchiata 
  • … Ma non ci sono novità degne di nota

Voto 7,5


REQUISITI DI SISTEMA

MINIMI:
Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit
Sistema operativo: Windows 7 64-Bit or later
Processore: Intel Core i5-2500K; AMD FX-6350 or equivalent
Memoria: 4 GB di RAM
Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 760 with 2 GB VRAM or more; AMD Radeon HD 7800 with 2 GB VRAM or more
DirectX: Versione 11
Memoria: 13 GB di spazio disponibile
Scheda audio: DirectX compatible

CONSIGLIATI:
Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit
Sistema operativo: Windows 7 64-Bit or later
Processore: Intel Core i5-6600K, AMD FX-8350 Eight-Core or equivalent
Memoria: 8 GB di RAM
Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 960 with 4 GB VRAM or more; AMD Radeon R9 380 with 4 GB VRAM or more
DirectX: Versione 11
Memoria: 15 GB di spazio disponibile
Scheda audio: DirectX compatible

Fonte immagini: google